Guadagnare gestendo e creando gruppi d’acquisto

Uno delle innovative idee che migliorano la vita del cittadino moderno e al tempo stesso rappresenta un’ottima opportunità di fare soldi, oltre che di fare del bene, è la creazione di un gruppo di acquisto. Questa attività consiste nel riunire un insieme di privati o aziende, finalizzate alla commercializzazione di un prodotto o di più beni, con il diretto contatto tra produttore e consumatore attraverso, appunto, un gruppo d’acquisto.

I Gruppi d’acquisto come novità della sharing economy e opportunità di fare soldi

Creare un gruppo di acquisto determina quindi il saltare la filiera della grande distribuzione organizzata, risparmiando soldi, passando a un rapporto diretto tra chi produce un bene e chi invece lo acquista. In Italia, nel corso del tempo, si sono diffuse diverse tipologie di gruppi d’acquisto:

Gruppo di acquisto solidale

Un insieme di persone che decide di riunirsi al fine di portare avanti dei principi etici coniugandoli con un notevole risparmio economico solitamente garantito dal principio dell’economia di scala e dal fatto di “scavalcare” gli intermediari commerciali.

Gruppo di acquisto per aziende

Più aziende che decidono di organizzarsi al fine di evitare la filiera commerciale della distribuzione al dettaglio ed acquistare le forniture di cui hanno bisogno direttamente dal produttore.

Gruppo di acquisto per privati

Un gruppo di cittadini, di solito conoscenti che decidono di acquistare beni di vario genere direttamente dal grossista.

I vantaggi di utilizzare un gruppo di acquisto

I gruppi di acquisto, hanno una serie di vantaggi, direttamente collegati alla possibilità di guadagnare soldi attraverso la loro organizzazione e avvantaggiare le singole parti al fine di risparmiare soldi:

  • Gruppi di acquisto privati: per i cittadini, la creazione di un gruppo, permette di organizzarsi in modo da poter contattare direttamente il produttore di un determinato bene e quindi risparmiare soldi dato che il prodotto viene acquistato direttamente alla fonte;
  • Gruppi di acquisto per aziende: il vantaggio sostanziale è che l’unione di più aziende che producono beni simili, permette di poter vendere direttamente i beni al singolo cittadino, a prezzi al di sotto del di quelli del mercato. E’ un ottimo modo per ottimizzare il guadagno e fare soldi;
  • Gruppi di acquisto sociale: la finalità etica, solidale e sociale, finalizzata a un risparmio economico, permette a questa tipologia di gruppi la possibilità di promuovere in maniera equa mercati come quelli del terzo mondo, che sarebbero inevitabilmente schiacciati dal mondo capitalista.

Gli svantaggi dei gruppi di acquisto

I gruppi di acquisto hanno anche i loro svantaggi. In primo luogo, si devono scegliere i produttori giusti, che accettino anche le richieste da parte dei gruppi di acquisto e che rispettino quelli che sono le realtà che li hanno ispirati e non pensino solamente ai soldi ed al mero profitto economico.

In secondo luogo, anche se si è consapevoli del tipo di bene e della sua provenienza, non sono disponibili ovviamente tutti i prodotti presenti sul mercato, ma solo quelli che sono messi a disposizione da parte di quel singolo produttore e spesso se si parla di beni alimentari, questi sono spesso stagionali.

Infine i tempi di consegna della merce, a volte sono più lunghi, dato che devono essere raccolti gli ordini di tutti gli appartenenti al gruppo e poi inviati al produttore. In alcune città si stanno già aprendo dei negozio che supportano il mercato dei gruppi di acquisto, ma prevedono comunque l’aggiunta di un intermediario.

Come creare un gruppo di acquisto

Un gruppo di acquisto può essere creato in tre modi:

  1. in via informale: un gruppo di persone si riunisce senza creare un associazione o una struttura, ma semplicemente tra amici, raccogliendo gli ordini e contattando il produttore direttamente;
  2. appoggiandosi ad un associazione esistente: in questo caso il gruppo chiede l’aiuto di un ente che già svolge attività simili. Ovviamente si determina un passaggio in più, dato che vi sarà un intermediario;
  3. creando un associazione: le persone che vogliono costituire un gruppo di acquisto che sia solidale, aziendale o privato, possono creare un associazione indipendente, con statuto, atto costitutivo, apertura di codice fiscale e partita IVA con la finalità di organizzare un gruppo di acquisto.

Risorse utili che ti possono aiutare nell’intraprendere questo tipo di attività:

Che ne pensi? Lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *